Home Blog

Sanatoria, posso uscire dall’Italia e ritornare per il permesso di soggiorno?

0

I lunghi tempi che richiede la procedura di emersione porta molti stranieri a confrontarsi su urgenze nate nel Paese d’Origine: Madre o Papà malati, figli che hanno bisogno di aiuto, cause civili o ereditarie

Non è raro di riceve messaggi come quello che segue:

Salve avrei bisogno di un vostro aiuto, ho domandato la sanatoria nel luglio 2020 e non ho ancora ricevuto una risposta. Ma ora il mio problema è che voglio tornare nel mio paese per motivi familiari.

Posso poi ritornare in Italia e prendere successivamente il permesso di soggiorno per regolarizzazione ? Grazie per il vostro aiuto

Assolutamente no !

Deve prima completare in Italia la pratica nello sportello immigrazione della Prefettura. Dopo aver firmato il contratto di soggiorno (sempre in prefettura) e se andrà a buon fine avrà l’appuntamento per le impronte direttamente dalle poste con kit postale.

Può accadere che nonostante questa prassi consolidata qualche straniero in emersione esca comunque dall’Italia perché appartenente a paesi esentati da visto turistico (esempio Albania), in questo caso avrà bisogno di una solida giustificazione per rientrare in Italia visto che non era completata la procedura di emersione.

La linea tracciata dalla normativa è quella di una emersione dei soggetti presenti in Italia per la pandemia da covid 19, pertanto in sede di convocazione al SUI Sportello Prefettura verrà controllato il passaporto dello straniero per riscontrare i timbri di ingresso e uscita dallo Stato italiano.

In caso venga riscontrato timbri successivi all’8 marzo 2020 è altamente probabile un rigetto della pratica di sanatoria 2020, quindi sconsigliamo di uscire prima del completamento della procedura.

Plas mes turisteve nga Kosova dhe te rinjve nga Shëngjini (Video)

0

Katër të rinj janë proceduar penalisht nga Policia në Lezhë, pasi janë konf liktuar me njëri-tjetrin për motive të dobëta. Këta shtetas, dy vëllezër nga Kosova dhe dy vëllezër nga Shëngjini, janë kanë që lluar me njëri-tjetrin dhe për pasojë kanë përfunduar në spital.

Referuar njoftimit të Policisë, dy vëllezërit nga Kosova Çlirim dhe Qerim Zeneli, janë komfliktuar me dy vëllezërit nga Shëngjini Amarildo dhe Adriano Jushi.

Cosa cambia con il nuovo permesso di soggiorno Ue di 10 anni? La guida degli esperti

0

Il permesso UE per soggiornanti di lungo periodo, titolo previsto nel nostro ordinamento dall’art. 9 del T.U. immigrazione, viene rilasciato a chi risiede stabilmente in uno dei Paesi dell’Unione Europea e soddisfa determinati requisiti (possesso precedente di un permesso, residenza continuativa di 5 anni, reddito minimo e conoscenza della lingua italiana livello A2).

Permesso con validità illimitata, non ha scadenza e quindi richiede solo l’aggiornamento, salvo i casi eccezionali di revoca previsti in caso di allontanamento prolungato dal territorio italiano e di condanne per reati gravi.

Decreto 20 gennaio 2021: che cosa comporta la previsione di una durata del permesso UE?

Con il Decreto del 20 gennaio 2021 del Ministero dell’Interno, contenente “Regole di sicurezza relative al permesso di soggiorno”, è stata stabilita, tra altre novità, una durata temporale, di 10 anni, in luogo di quella illimitata, del permesso di soggiorno UE per lungo soggiornanti.

La previsione di tale data, tuttavia, con costituisce una scadenza del documento, che continua ad avere validità illimitata, non incidendo sul diritto del cittadino italiano a soggiornare in Italia.

Di seguito le informazioni per comprendere tale modifica, e cosa fare in caso di scadenza del vecchio permesso.

  • Il nuovo permesso di soggiorno UE viene emesso sulla base di un nuovo modello uniforme di permessi di soggiorno per i cittadini di Paesi extra-europei, adottato in conformità alle prescrizioni europee (Regolamento CE n. 1030/2002, modificato dal Regolamento UE n. 2017/1954). Infatti, l’adozione di tale modello uniforme è stata dettata dalla necessità di introdurre elementi aggiuntivi di sicurezza contro le falsificazioni.
  • Lo stesso modello, inoltre, verrà utilizzato anche per i documenti di soggiorno per i cittadini del Regno Unito che, a seguito della cosiddetta Brexit, necessitano di un titolo che autorizzi l’ingresso e la permanenza nei Paesi UE;
  • Il processo di emissione di questi permessi di soggiorno rimane uguale a quello previsto per il vecchio permesso UE illimitato (modalità di richiesta, requisiti, autorità competente);
  • I vecchi permessi, che seguono quindi il modello precedente “non uniforme”, mantengono la propria validità fino alla normale scadenza prevista, o fino ad eventuale loro sostituzione con il nuovo modello;
  • La validità del permesso UE rimane illimitata, perché solo il documento fisico ha una durata decennale, come precisato dallo stesso Ministero dell’Interno; Quindi non sarà necessario richiedere un rinnovo ma il semplice aggiornamento del vecchio permesso, con emissione di un nuovo documento fisico.
  • Per il momento è in partenza una fase di sperimentazione guidata dalla Questura di Terni, e solo successivamente il nuovo modello verrà adottato sul resto del territorio nazionale.

Assegno sociale per stranieri 2021

1

I cittadini extracomunitari hanno diritto alla pensione sociale

Vediamo insieme in quale casistica è possibile richiedere l’assegno sociale per i genitori stranieri anziani e non incorrere in errori e sanzioni.

Assegno sociale per stranieri: come funziona, chi ne ha diritto e quanto si prende

L’assegno sociale è una forma di sostegno per i cittadini dai 67 anni in su che hanno un reddito basso.

Ma quali sono i soggetti che possono accedere al beneficio reddituale

Si chiama assegno sociale la forma di sostegno al reddito prevista da qualche anno in Italia per andare ad erogare la classica pensione per i non precettori di altra tipologia (quindi in situazione di disagio).

Nel 2016 la soglia, guardando alle stime generali per la speranza di vita in Italia, era stata portata a 65 anni e 7 mesi. Dal 2019 e per tutto il 2020, fino ad un nuovo aggiornamento, invece è di 67 anni.

Quali cittadini stranieri possono accedere a questo beneficio ?

Può presentare la domanda chi riesca a dimostrare la residenza effettiva e in maniera abituale in Italia.

Dimostrare di soggiornare legalmente, in maniera continuativa, da almeno dieci anni sul territorio nazionale (quindi dieci anni di residenza).

Inoltre chi comprova l’assenza di reddito oppure la presenza di redditi non superiori all’importo annuo corrente dell’assegno sociale, se il richiedente non è coniugato. Se invece è sposato, non deve essere superiore all’ammontare doppio dell’assegno sociale per l’anno in corso.

Quale permesso di soggiorno occorre per richiedere l’assegno ?

La domanda può essere presentata anche dai cittadini stranieri ma soltanto se sono in regola con queste condizioni

  • i cittadini extracomunitari con lo status di “rifugiato politico” o di “protezione sussidiaria” (ed i rispettivi coniugi ricongiunti) con permesso di soggiorno UE o CE per soggiornanti di lungo periodo
  • i cittadini extracomunitari con permesso per soggiorno di lungo periodo CE / UE ;
  • i cittadini comunitari UE che siano iscritti all’anagrafe del Comune di residenza oppure in possesso della Carta di soggiorno di cittadino UE (quella rilasciata prima dell’11.04.2007) ma anche i rispettivi familiari ricongiunti ;
  • i cittadini stranieri con doppia cittadinanza (ovvero quella del loro paese e il passaporto italiano ottenuto successivamente)

I cittadini stranieri devono dimostrare inoltre di aver soggiornato in Italia per almeno 10 anni, requisito fondamentale. Si tratta dell’iscrizione anagrafica nella residenza di un comune.

Importo del’assegno sociale per il 2021

Il sostegno sotto forma di assegno sociale è stato confermato dal governo anche per l’anno 2021 con un importo annuo pari a € 5.983,64 (corrispondono a € 460,28 mensili) per i soggetti non coniugati. Per i coniugati invece sarà il doppio, quindi € 11.967,28.

Come viene stabilito l’importo esatto

Se il soggetto avente diritto non ha alcun reddito personale oppure insieme all’eventuale coniuge, ha diritto alla cifra intera dell’assegno sociale.

Se, invece, i suoi redditi oppure quelli dell’eventuale coniuge o ancora la somma di entrambi superano i limiti di legge, l’assegno sociale non può essere erogato.

Nel caso in cui il reddito del richiedente o quello del coniuge o la loro somma siano inferiori ai limiti di legge, ci sarà diritto all’assegno ma in forma ridotta e proporzionale.

In pratica sarà un importo annuo pari alla differenza tra la cifra dell’assegno sociale corrente e l’ammontare del reddito annuale.

Redditi da valutare per l’erogazione dell’assegno sociale

Per calcolare quali sono i redditi da valutare sia del richiedente che del coniuge per la richiesta dell’assegno sociale basta vedere quello che indica l’Inps.

Nel computo entrano redditi assoggettabili all’ IRPEF, al netto dell’imposizione fiscale e contributiva, i redditi esenti da imposta, i redditi derivanti da giochi e concorsi a premi, interessi postali e bancari, titoli di stato, obbligazioni e similari.

E ancora i redditi di terreni e fabbricati, le pensioni di guerra, le rendite vitalizie dell’INAIL, pensioni dirette erogate da Stati esteri, pensioni e gli assegni erogati agli invalidi civili, ai ciechi civili e ai sordi. Infine gli eventuali assegni per gli alimenti.

Quando viene erogato l’assegno

L’assegno sociale parte dal primo giorno del mese successivo a quello di presentazione della domanda, sempre che siano soddisfatti tutti i requisiti previsti dalla legge.

E viene erogato per tredici mensilità ma non è reversibile ai famigliari superstiti. Ha il vantaggio di non essere soggetto ad imposte fiscali.

Nel caso in cui il titolare del beneficio sia ricoverato in istituti o comunità con retta a carico di enti pubblici, l’assegno sarà ridotto sino ad un massimo del 50%.

Come si presenta la domanda

La domanda deve essere presentata online all’INPS attraverso la sezione dedicata.

Oppure chiamando lo 06 164164 da rete mobile, il contact center al numero 803164 (gratuito da rete fissa). Nel caso di dubbi, contattare sempre enti di patronato e CAF. / portaleimmigrazione.eu/

Il Comitato tecnico rinvia le misure prese due settimane fa / La tendenza mostra che i casi infetti sono ridotti

0

Durante un convegno tenuto dal Comitato Tecnico, si è deciso nuovamente di rinviare le misure prese due settimane fa, vedendo un andamento decrescente dei casi negli ultimi giorni.

Facendo riferimento al bando del Comitato Tecnico, si è deciso di limitare l’orario dalle 20:00 alle 06:00, bar e ristoranti continueranno ad essere chiusi oltre l’orario limite in cui sarà consentito il servizio di consegna.

Le scuole superiori designate andranno online, così come le università rimarranno online mentre gli esami saranno combinati per le università che richiedono test per auditor.

Anche la sospensione dei voli con la Gran Bretagna è rinviata a una seconda decisione.

Mbyllet Shqiperia sot? Komiteti i Ekspertëve del me vendim, ja çfarë ndodh sot

0

Numri i larta i rasteve te reja, humbjeve te jetes dhe situata e veshtire ne spitale ka vene ne alarm qytetarët qe po flasin keto dite se pritet serish një mbyllje e vendit.

Por, sa janë gjasat e një karantinete dyte?!

Ndonëse situata paraqitet tejet kritike dhe kufizimet e fundit nuk kanë sjellë asnjë përmirësim të shifrave, anëtarët e Komitetit të Ekspertëve përjashtojnë mundësinë e një mbylljeje të plotë.

Pas dy javësh kufizimesh në orarin e daljeve dhe mbylljen e shkollave në qytetet më të “nxehta” të virusit, sot komiteti i ekspertëve pritet të dalë me sugjerimet per kufizime shtesë.

Zv. Ministrja paralajmeron vendin: Karantine e plotë nëse nuk ..

0

Zv. Ministrja e Shendetesise Eugena Tomini se fundmi ka paralajmeruar karantine te plote per vendin tone

Ajo është shprehur sot gate nje interviste se ka një rritje të numrit të rasteve që kërkon shtrimin në spital.

Tomini tha se janë ezauruar deri në 80% të shtretërve, përfshirë edhe dy spitalet rajonale të Durrësit dhe Shkodrës.

Kemi një transmetim komunitar, një transmetim me një incidencë të lartë të rasteve të konfirmuara. Kjo, konfirmuar jo vetëm me pozitivitetin, por edhe me rastet që kanë kërkuar shtrim spitalor kundrejt shtimit të kapaciteteve në shtretër në nivelin qendror, ku kemi ezauruar deri në 80% të shtretërve  përfshirë dhe dy spitalet rajonalë, spitalin e Durrësit dhe spitalin e Shkodrës. Ndërkohë, kemi një zbritje të fashës moshore drejt grupmoshave aktive, 15-24 dhe 25-34 vjeç”.

Sipas Tominit, karantina do të jetë ‘guri’ i fundit i përodrur kundrejt shtrengimit të masave.

Gjithkush nga ne nuk do të donte të shkonim drejt një karantine totale. Për më tepër do të jetë guri i fundit i kapur apo i përdorur përkundrejt shtimit të masave. Por dua të theksoj përgjegjshmërinë e secilit nga ne, duhet të jemi të gjithë të përgjegjshëm për zbatimin e masave.”, tha ajo.

Gli imprenditori albanesi in Italia sono cresciuti durante la pandemia

0

Lo “Scan Intelligence Unit” ha fornito i dati del rapporto recentemente pubblicato dalla fondazione “Leone Moressa” sui dati degli imprenditori stranieri in Italia nell’ultimo anno.

Quello che spicca dai dati è il fatto che, nonostante la pandemia, gli imprenditori albanesi in Italia sono aumentati notevolmente nell’ultimo anno, registrando anche tra i maggiori incrementi tra le altre nazionalità imprenditoriali in Italia.

Secondo i dati ufficiali, risulta che, nell’ultimo anno, quello della pandemia, gli imprenditori albanesi in Italia sono aumentati del 6%, che è il terzo tasso più alto del Paese.

Solo Nigeria e Moldova registrano un tasso più elevato, anche se in termini assoluti l’incremento è inferiore a quello degli albanesi. Numeri che arrivano nonostante l’anno molto difficile che l’Italia ha attraversato, come uno dei paesi più colpiti dalla crisi, e soprattutto per il settore turistico, dove si concentra gran parte degli albanesi, come imprenditori, ma anche come dipendenti.

Dal 2011, nel frattempo, il tasso di imprenditori albanesi in Italia è aumentato del 35%.

In totale, ci sono 49.748 imprenditori albanesi in Italia, nati fuori dall’Italia, cioè la stragrande maggioranza in Albania. Questa è la quarta cifra più grande del paese, dopo Cina, Romania e Marocco.

Gli imprenditori albanesi rappresentano quindi il 6,7% del numero totale di imprenditori stranieri nel paese. Gli stranieri rappresentano complessivamente l’11% degli imprenditori. Ciò significa che almeno lo 0,66% delle imprese in Italia è di proprietà di un albanese. In questa cifra vengono conteggiati solo i nati fuori dall’Italia, il che significa che la cifra potrebbe essere superiore.

Conte: “Italia nuk do ta harrojë kurrë përpjekjen e bluzave të bardha”

0

“Ne kurrë nuk do të ndalemi së falënderuari. Këtë ditë u kemi kushtuar atyre. Sepse nuk harrojmë. Asnjëherë nuk do të jemi në gjendje t’i harrojmë përpjekjet dhe sakrificat e tyre” Ish-Kryeministri Giuseppe Conte e shkruan atë në profilet e tij sociale, me rastin e ditës së parë kombëtare kushtuar bluzave të bardha.

“Në këtë vit të parë shumë të gjatë të pandemisë – thotë Conte – Italia ka qenë në gjendje të llogarisë në sakrificën e grave dhe burrave që luf tuan në vijën e frontit kundër Covid. Janë mjekët tanë, infermierët tanë, personeli shëndetësor dhe vullnetarët që secili ditën ata punuan pa kursyer veten, me guxim dhe përkushtim, duke demonstruar një frymë të fortë të komunitetit “.

“Ata kanë shpëtuar shumë jetë, kanë trajtuar dhe janë kujdesur për shumë njerëz të sëmurë, – përfundon ai. – Disa kanë paguar këtë angazhim me sakrificën e jetës së tyre. Të gjithë kanë jetuar me dhim bjen dhe kanë luftuar kundër lodhjes. Ata kurrë nuk kanë u larguan nga përgjegjësitë e misionit të tyre “.

Te mbyllen urgjent shkollat dhe lokalet, Pipero: Te shtohen masat, transporti publik duhet te..

0

Rritja e shumte e rasteve ditore duhet të shoqërohet me të tjera masa shtrënguese. Mjeku i njohur Pëllumb Pipero rekomandon mbylljen e të gjitha shkollave dhe lokaleve deri në fund të marsit.

Ndërsa për transportin publik, numri i personave qe udhëtojne duhet të jetë i limituar sipas protokolleve të shëndetësisë. 

“Deri nga fundit i marsit masat duhet të ishin më të shtrënguara, orari i kafeneve më i shkurtuar, të mos shërbehet në tavolina, por “delivery”. Shkollat e arsimit 9-vjeçar dhe të mesëm të ishin mbyllur deri në fund të marsit. Edhe pse nuk është zgjidhje e problemit, është zgjedhje e detyruar për nga ritmet e pandemisë pasi nuk janë kështu vetëm në vendin tonë”, u shpreh Pëllumb Pipero.

Pasi e kaloi jo lehtë koronavirusin, mjeku i spitalit Covid-1 tregon për A2 se kjo periudhë është mjaft e vështirë. Përhapja e virusit po favorizohet edhe nga temperaturat e ulëta, ndërsa thekson se të rinjtë janë me indiferentët ndaj respektimit të masave.

Pipero tërheq vëmendjen se këto javë, krahas rritjes së infektimeve, janë shtuar humbjet e jetës edhe tek moshat e reja.

“Kemi raste të shtuara të sëmundjes dhe forma të rënda dhe humbje të jetës dhe tek moshat e reja. I këshilloj të jenë të kujdesshëm që do të thotë të mbajnë maskë, distancë dhe higjienë. Edhe një lutje kam për ta, të frekuentojnë sa më pak, kafenetë dhe mjediset e mbyllura”, shtoi ai.

I komentuar jo pak edhe nga kolegë të tij, mjeku Pipero tregon vendin se ku u trajtua ndaj koornavirusit.

“Kam kaluar një formë nga e lehtë në të mesme të kësaj sëmundje. Kam pasur shumë pagjumësi dhe ankth për të cilat kam pasur ndihmën e kolegëve të mi. Jam trajtuar në shtëpi dhe jo jashtë vendit”, tregon mjeku.

Ashtu siç do person që e ka kaluar jo lehtë koronavirusin edhe Pipero thotë se do t’i duhen së paku 12 javë për të rimarrë veten.

Të hënën do të rikthehet mes pacientëve në spitalin Covid-1 ndërsa ka vendosur të marrë dozën e dytë të vaksinës, pavarësisht antitrupave që mund të ketë krijuar pas sëmundjes.

- Advertisement -
21,915FansLike
0FollowersFollow
0SubscribersSubscribe